logo-mini
Cinearte

Cinearte

Il terzo giovedì del mese

In Urbino, centro di cultura e bellezza artistica, non poteva mancare un incontro dedicato all’arte nelle sue più variegate forme. Cinema, teatro e musica si uniscono, nel terzo incontro mensile organizzato dalla Fuci, all’insegna dell’allegria e del divertimento.

Cinearte

Fireproof

15 Novembre – Cinema Ducale

Caleb Holt, un vigile del fuoco, vive tenendo sempre in mente una massima del padre: “Mai lasciare indietro il tuo compagno”. Ma, dopo sette anni di matrimonio con la moglie Catherine, il loro rapporto sta fallendo. Caleb sostiene che Catherine è troppo sensibile e non mostra rispetto per lui. Catherine invece racconta ai suoi colleghi di ospedale che suo marito è insensibile e non comprende le sue necessità ed è per questo che vuole chiedere il divorzio. Il padre di Caleb propone così al figlio una sfida per salvare il suo matrimonio, un esperimento di 40 giorni “The Love Dare”…

Cinearte

Concerto di Natale

13 Dicembre

Coro universitario San Francesco.

Cinearte

Qualcosa di buono

19 Gennaio – Cinema Ducale

Kate (Hilary Swank) è una pianista di musica classica di successo, sposata e dai modi garbati, a cui è stata diagnostica la SLA (più nota con il nome di malattia di Lou Gehrig). Bec (Emmy Rossum) è un’estroversa studentessa universitaria e aspirante cantante rock che riesce a malapena a destreggiarsi in una vita estremamente caotica e confusionaria sia sul piano delle relazioni romantiche che in altri ambiti. Eppure quando Bec decide di accettare la disperata proposta di lavoro come assistente di Kate, proprio quando il matrimonio di Kate con Evan (Josh Duhamel) comincia a entrare in crisi, le due donne si affidano a ciò che diventerà un legame non convenzionale, a volte conflittuale e ferocemente onesto. 

Cinearte

Incontro poetico

16 Febbraio

Incontro letterario esistenziale sui testi di Alessandro D’Avenia

Cinearte

In nome di mia figlia

18 Maggio – Cinema Ducale

Nel 1982, Kalinka, la figlia quattordicenne di André Bamberski, muore mentre è in vacanza in Germania con sua madre e con il patrigno. André è convinto che non si sia trattato di un incidente e inizia a indagare. Gli esiti di un’autopsia sommaria sembrano confermare i suoi sospetti e lo spingono ad accusare di omicidio il patrigno di Kalinka, il dottor Dieter Krombach. Non riuscendo però a farlo incriminare in Germania, André cerca di far aprire un procedimento giudiziario in Francia e dedicherà il resto della sua vita nella speranza di ottenere giustizia per sua figlia. Il film è tratto da una storia vera.

Cinearte

Arte

16 Marzo 

L’ombra del divino nell’arte contemporanea: riflessione sulla descrizione di alcune opere d’arte contemporanea.